Monthly Archives: aprile 2016


Recesso possibile dopo le giustificazioni

Anche se il lavoratore ha presentato le giustificazioni prima del decorso integrale dei 5 giorni previsto dall’articolo 7, comma 5, della Legge n. 300/1970, il termine finale per l’irrogazione della misura sanzionatoria espulsiva del licenziamento previsto dal contratto collettivo decorre, comunque, dalla scadenza del termine di legge per le controdeduzioni.

La Corte di cassazione ha sostenuto questo principio con la sentenza n. 8180 , depositata il 22 aprile scorso, nella quale ha ritenuto corretta l’iniziativa datoriale di far decorrere il termine contrattuale per l’irrogazione del licenziamento per giusta causa non dalla data in cui il lavoratore aveva reso le proprie giustificazioni, ma da quella successiva in cui era venuto a scadenza il termine massimo di 5 giorni previsto ex lege.

Leggi tutto…

È sempre grave l’assenza ingiustificata

L’assenza ingiustificata non può ritenersi meno grave per il fatto che il datore di lavoro abbia demansionato il dipendente, anche con una completa inattività del lavoratore stesso.

Questo principio è stato affermato dalla Corte di cassazione, con sentenza 6260/2016, relativa alla vicenda di una lavoratrice privata di ogni effettiva mansione per oltre un anno. Durante tale periodo la dipendente si è assentata senza giustificazione per complessivi 12 giorni, di cui 9 lavorativi.

Leggi tutto…