Monthly Archives: marzo 2016


Bonus contributi, recupero in aprile

Saranno le paghe di aprile a ospitare il nuovo sgravio contributivo biennale previsto dalla legge di stabilità 2016 (L. 208/15) dopo quasi tre mesi dalla sua entrata in vigore.
Le istruzioni per aziende e intermediari sono contenute nella copiosa circolare Inps n.57/16 diffusa ieri. Complice l’attesa che ha preceduto la sua diffusione, i datori di lavoro sono stati costretti a sostenere un onere non dovuto, ritardando la fruizione della riduzione contributiva loro spettante.

Leggi tutto…

Dimissioni on line: conciliazione in sede sindacale senza procedura

Chiarimento del Ministero del Lavoro
La conciliazione in materia di lavoro in sede sindacale non deve essere sempre condotta in base a procedure o modalità indicate dai contratti collettivi, tanto più che non sempre i contratti le codificano. È quanto chiarisce il ministero del Lavoro con la lettera 5755 del 22 marzo, in risposta a una richiesta di chiarimenti in merito alla precedente lettera 5199 del 16 marzo.

Leggi tutto…

Repechâge tutto a carico del datore di lavoro

In presenza di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo, compete al datore di lavoro provare l’impossibilità di ricollocare il dipendente, in quanto, alla luce degli ordinari principi processuali, l’onere di provare l’impossibilità di esercitare il repechâge ricade esclusivamente sul datore di lavoro.

Leggi tutto…

In arrivo decreto correttivo al Jobs Act

Obbligo di comunicazione prima di utilizzare i voucher e altri correttivi Jobs Act
Il ministero del Lavoro apre ufficialmente il cantiere dei decreti correttivi al Jobs act: con il primo di questi provvedimenti, che potrebbe arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri tra fine maggio-primi di giugno, scatterà l’annunciata “stretta” sui voucher.

Leggi tutto…

Infortuni, certificati inviati dal medico

Da oggi l’obbligo di invio telematico del certificato medico non spetta più al datore di lavoro del dipendente vittima d’infortunio o di malattia professionale, ma al medico o alla struttura sanitaria che per prima gli presta assistenza.

Leggi tutto…

Cumulo rapporti part time e limiti orario prestazioni

Fermo restando il limite di 48 ore settimanali, previsto dal dec.legvo n.66/03, non risulta vietato al lavoratore cumulare con dìstinti datori più rapporti di lavoro part time con più datori di lavoro è possibile
Si rimarca, tuttavia, che in ta caso lavoratore ha l’onere di comunicare ai datori di lavoro l’ammontare delle ore in cui può prestare la propria attività nel rispetto dei limiti prervisti e fornire ogni altra informazione utile in tal senso,richiamda in marito la previsione della circolare n.8/05 del MLPS.

Leggi tutto…

Lavori usuranti:entro il 31 marzo obbligo della comunicazione

Chi non rispetta l’obbligo incorre in una sanzione amministrativa che va dai 500 euro ai 1.500 euro.
Entro il 31 marzo i datori devono trasmettere la comunicazione di monitoraggio relativa all’anno 2015 delle attività usuranti rientranti nelle categorie determinate ai sensi del d.m. del 1999 e in quelle riguardanti i lavori notturni, i lavori a catena e la conduzione di veicoli adibiti al servizio pubblico di trasporto collettivo.

Leggi tutto…

Verbale di conciliazione sindacale: deposito solo per le associazioni più rappresentative

Nota del Ministero del Lavoro
Ai fini del deposito presso la Direzione territoriale del lavoro, il verbale di conciliazione siglato in sede sindacale deve rispondere non solo ai normali criteri di autenticità dell’atto, ma deve essere stato sottoscritto nell’ambito di una procedura di conciliazione avvenuta secondo le modalità previste dai contratti collettivi sottoscritti dalle associazioni sindacali maggiormente rappresentative: è la risposta resa il 16 marzo scorso dalla Direzione generale per l’attività ispettiva del Ministero del lavoro a fronte di una richiesta di parere inoltrata da alcune locali DTL.

Leggi tutto…