Filtra per categoria

Lo smart working nel collegato lavoro 2016

La disciplina del lavoro agile nel collegato lavoro alla legge di stabilità 2016
Lo smart working, ovvero la possibilità di lavorare in modo flessibile e autonomo rivoluzionando spazi, orari e strumenti, è un approccio che consente, in certi casi, di risparmiare tempo, denaro ed energia. Anche le aziende possono ridurre le proprie spese e riorganizzare i propri spazi.

Lavorare da dipendenti ma come se si fosse lavoratori autonomi. In termini di spazi, orari, strumenti e responsabilità. È quello che i sociologi chiamano smart working e che in italiano è stato definito, con una formula efficace, lavoro agile.

Nello specifico, lavorare secondo la filosofia “agile” significa, per le aziende, gestire il lavoro dei propri dipendenti in modo completamente diverso.

Vuol dire, per esempio, permettere ai propri collaboratori di entrare e uscire dall’ufficio in orari più elastici almeno in alcuni giorni della settimana, di lavorare in remoto, di utilizzare in taluni casi dispositivi propri (il cosiddetto bring your own device: usare pc, smartphone e tablet propri anche in ufficio) e di organizzare giornate e orari lavorativi in base ai risultati e non all’obbligo di “timbrare il cartellino”.

I vantaggi di un approccio del genere sono evidenti. Chi lavora smart guadagna innanzitutto tempo, perché deve muoversi di meno e può dedicarsi di più alla famiglia, ai figli e a se stesso. In questo modo, raggiungere una conciliazione soddisfacente tra vita e lavoro diventa più semplice.

Oltre al tempo, si guadagna – o si risparmia – anche denaro, perché le spese per gli spostamenti casa-lavoro si riducono – con ricadute positive sull’ambiente – e anche le aziende stesse, trovandosi meno dipendenti in sede, possono gestire in modo più intelligente gli spazi e diminuire i costi da sostenere per l’energia. Inoltre, numerose indagini hanno dimostrato che lo smart working aumenta la produttività dei lavoratori.

Certo, il lavoro agile può anche avere effetti negativi. Lavorare in remoto può logorare i rapporti con i colleghi e generare situazioni di isolamento per chi lavora. Non a caso, infatti, in molte città stanno nascendo spazi di coworking proprio per limitare le forme di alienazione che possono nascere dal lavorare da soli – discorso che vale soprattutto per i lavoratori autonomi – e creare nuove opportunità di collaborazione e sinergie.

Tale tipologia di prestazione dovrebbe essere disciplinata dal collegato lavoro alla legge di stabilita’ 2016,in corso di predisposizione e divulgazione.

-->