Monthly Archives: novembre 2015


Libro unico, gli errori da evitare

Dal 1° gennaio 2017 il Libro unico del lavoro (Lul) sarà tenuto in modalità telematica presso il ministero del Lavoro.
La novità, introdotta dall’articolo 15 del Dlgs 151/2015 , consentirà al nuovo Ispettorato nazionale del Lavoro di incrociare le informazioni delle diverse banche dati per far emergere eventuali incongruenze nella gestione della documentazione.

Leggi tutto…

Rappresentanza, accordo esteso al commercio

Soglia minima del 5% per i sindacati, necessaria per essere ammessi ai tavoli negoziali.
Esigibilità dei contratti nazionali sottoscritti da sigle che rappresentano il 50%+1, previa consultazione certificata dei lavoratori a maggioranza semplice.

Leggi tutto…

Per la prevenzione degli infortuni può essere sufficiente il codice civile

Per configurare la responsabilità del datore di lavoro non è necessario accertare la violazione di norme specifiche in materia di sicurezza.

È sufficiente che l’evento infortunistico si verifichi perché non sono stati adottati gli accorgimenti imposti all’imprenditore dal codice civile per l’integrità dei dipendenti. È questo il principio essenziale che emerge dalla sentenza 46979/2015 della Cassazione depositata ieri.

Leggi tutto…

Per i ruoli apicali è ammessa maggiore flessibilità nel cambio di mansioni

Sentenza della Cassazione
La Corte di cassazione (sentenza 23945/2015 ) ha affermato che, nel contesto di una operazione di incorporazione societaria, non costituisce dequalificazione professionale, in virtù dell’esercizio dello jus variandi ai sensi dell’articolo 2103 del codice civile, l’assegnazione di un funzionario di banca a un ruolo che, rispetto alle funzioni precedenti, ha comportato la perdita dei poteri di firma degli atti di gestione dei rapporti giuridici sostanziali.

Leggi tutto…

Stabilizzazione CoCoCo/Pro con doppio premio dal 2016

Secondo la Fondazione studi dei consulenti del lavoro, effettuare la stabilizzazione dei collaboratori nel 2016 con relativa sanatoria è compatibile con il rinnovato esonero contributivo contenuto nel disegno di legge di Stabilità attualmente all’esame del Parlamento.

Leggi tutto…

Congedo parentale a ore: modalità e perplessità

La possibilità di fruire il congedo parentale su base oraria non è una novità introdotta dal Jobs Act, bensì una previsione della Legge di Stabilità 2013.

Il D.lgs. 80/2015 non ha fatto altro che disciplinare le modalità di fruizione del congedo su base oraria nei casi in cui manchi una regolamentazione a livello di contrattazione collettiva. Ciò significa che le regole introdotte dal Jobs Act (art. 32, co 1 ter, D.lgs. 151/01) si applicano solo quando manchi una specifica disciplina contrattuale.

Leggi tutto…