Filtra per categoria

Doppio bonus assunzioni in Toscana

La Toscana «raddoppia» i bonus assunzioni
L’emergenza lavoro cambia gli incentivi alle assunzioni messi in pista (anche) dalle Regioni, “aprendo” la porta al cumulo tra sgravi nazionali e locali. È il caso della Toscana che, per la prima volta, col bando “Occupazione 2015”, consente di sommare alcuni bonus previsti a livello regionale con aiuti e sgravi nazionali, tra cui quello contributivo fino a 8.060 euro annui introdotto dalla legge di Stabilità 2015 per le nuove assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori disoccupati da almeno sei mesi. Il risultato è che la somma delle agevolazioni pubbliche per il primo anno per un nuovo assunto a tempo indeterminato può arrivare, in alcuni casi, addirittura a 16mila euro. La fattispecie è realizzabile nelle cosiddette “aree di crisi industriale”, cioè Livorno, Piombino e Massa Carrara afflitte da una disoccupazione superiore alla media regionale, e per le assunzioni di disabili e persone svantaggiate effettuate in tutta la regione.

Concretamente, la prima significativa attuazione del doppio bonus regionale-nazionale si avrà oggi, quando l’azienda Comdata riassumerà a Guasticce (Livorno) i primi 65 lavoratori del call center People Care, che nei mesi scorsi ha licenziato tutti i 350 dipendenti.

Tra le novità previste dal bando regionale per incentivare le nuove assunzioni c’è il contributo anche per contratti a tempo determinato e per tutti i nuovi contratti realizzati nel 2015, con retroattività a inizio anno e fino a dicembre prossimo. Lo stanziamento 2015 è di 5,3 milioni, superiore al passato , con la riserva di 500mila euro per ciascuna delle tre aree di crisi industriale. Le richieste vanno presentate secondo la modalità “a sportello” esclusivamente online sulla piattaforma di Sviluppo Toscana entro il 31 dicembre 2015

-->