Filtra per categoria

Job Act: novità in arrivo per Cigs e Naspi

Previste novità per integrazione salariale e Naspi
Novità in materia di ammortizzatori sociali sono al centro di un tavolo di confronto che il Governo ha aperto con sindacati e imprese ,per i cui testi saranno definiti in uno dei prossimi Consigli dei ministri.

Anzitutto ,si cita il decreto sull’integrazione salariale , che prevede una serie di novità che interessano anche le piccole e medie imprese.

In particolare, le imprese fra 5 e 15 dipendenti avranno accesso alla cig, al posto dell’attuale cig in deroga,che pero’ esse stesse dovrebbero finanziare e, secondo le ipotesi che circolano, potra’ avvenire tramite l’adesione al Fondo bilaterale artigiani pagando un’aliquota dello 0,45%, oppure al fondo residuale con un’aliquota analoga (che invece sale allo 0,65% per le imprese sopra i 15 dipendenti, attraverso una rimodulazione dell’attuale aliquota per tutti dello 0,50%).

In vista anche aliquote ridotte per le grandi imprese e l”estensione della cig agli apprendisti.

In generale, la cassa integrazione dovrebbe durare fino a 24 mesi all’interno di un quinquennio mobile, diventando uno strumento più flessibile e adatto ad accompagnare il reinserimento nel mercato del lavoro. Potrebbe arrivare a 36 mesi se precedentemente risulti utilizzato un contratto di solidarietà, quindi 12 mesi di solidarietà + 24 di cassa integrazione ,oppure viceversa. , attraverso un meccanismo per cui pagheranno di più le aziende che faranno maggior ricorso a questi strumenti, con un’addizionale che potrà arrivare fino al 15% ossia :9% per 12 mesi, 12% fino a 24 mesi e 15% fino a 36 mesi.

Una novità anche per la NASpI, la nuova assicurazione per l’impiego, che, a partire dallo scorso primo maggio,ha sostituito l’ASpI per chi perde il lavoro.

Cio’, sulla base dell’ affermazione resa dal Ministro del Lavoro circa la disponibilita’ delle risorse per portare in modo strutturale a 24 mesi la durata del nuovo assegno di disoccupazione in questione ,che ,invece, secondo il decreto legvo n.22/15 sarebbe dovuto durare 24 mesi soltanto fino al 2017, per dopo scendere a 18 mesi.

-->