Filtra per categoria

Interessi per sanzioni Inail

Interessi di mora per le sanzioni Inail al 4,88%
L’Inail, con nota 6 maggio 2015, prot. n. 3288, comunica il tasso di mora che sarà applicato alle sanzioni civili connesse all’evasione e all’omissione dei premi assicurativi all’anno in corso,.
Sono quasi 15 anni, dalla legge 388 del 2000, che le sanzioni amministrative connesse al mancato versamento di contributi e premi, sono state sostituite dalle sanzioni civili, con un tetto massimo legato all’importo del contributo, o del premio dovuto per l’anno di riferimento.
Per le sanzioni civili connesse all’evasione del premio assicurativo, dove sono stati posti in essere comporti indirizzati a violare gli obblighi di legge, il tetto risulta pari al 60% del premio dovuto , importo che si abbassa fino al 40% in caso di omissione contributiva, ossia nei casi in cui il debito è stato dichiarato, ma chi era tenuto a farlo, non ha eseguito il pagamento.
Oltre queste soglie, come previsto dalla legge, si applicano gli interessi di mora, in ragione di un tasso che annualmente viene stabilito con proprio decreto dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate.
Per l’anno in corso, con decorrenza 15 maggio 2015, si applicheranno gli interessi di mora al tasso del 4,88% in forza del decreto del 28 aprile scorso.
Alla nota Inail, è allegato il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate 30 aprile 2015 e una tabella riepilogativa che riporta i tassi applicati per il calcolo degli interessi di mora dal 1999 ad oggi.

-->