Filtra per categoria

Esclusi dal fondo residuale: chiarimenti Inps

Il fondo residuale restituisce i contributi
Le aziende che hanno versato i contributi al fondo di solidarietà residuale senza esserne obbligate potranno recuperarli entro il 16 luglio. La precisazione è contenuta nella circolare 79/2015 dell’Inps , con cui l’istituto ha fornito chiarimenti sui soggetti esclusi dall’obbligo.

Come ricordato su «Il Sole 24 Ore» di ieri, da ottobre le imprese con più di 15 addetti che operano in comparti non coperti da Cig e senza fondi bilaterali di settore devono versare mensilmente un contributo ordinario dello 0,5% della retribuzione per ogni dipendente (due terzi a carico dell’azienda, un terzo a carico del dipendente).ù Nei mesi scorsi, con le circolari 100/2014 e i messaggi 6897/2014 e 8673/2014 , l’istituto di previdenza ha indicato quali soggetti sono tenuti alla contribuzione.

Ora, a fronte delle precisazioni fornite del ministero del Lavoro con la nota 29/0001144/L del 9 marzo, viene meglio definito il bacino di riferimento del fondo residuale. Per quanto riguarda il comparto artigiano, dotato di un fondo di settore, sono escluse dal fondo residuale, oltre alle imprese, le confederazioni di settore e le società di servizio alle imprese associate, dalle stesse costituite, partecipate o promosse e i relativi enti bilaterali sia di livello nazionale, sia territoriale, indipendentemente dal settore di inquadramento.

Escluse anche le università non statali legalmente riconosciute perché, prendendo atto delle decisioni della giurisprudenza, vengono considerate organismi con natura giuridica di enti pubblici non economici.

Non sono tenute a versare il contributo nemmeno le aziende che rientrano nel Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell’occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale addetto al servizio della riscossione dei tributi erariali, in quanto il decreto di adeguamento del fondo alle nuove disposizioni normative non è pubblicato ma ormai in dirittura di arrivo. Nel settore dei trasporti, dove è stato costituito il fondo di solidarietà per il personale delle aziende di trasporto pubblico, rientrano nell’ambito del fondo residuale gli operatori di settore che però non effettuano servizio pubblico.

Infine, le cooperative sociali di tipo b non devono versare il contributo solo per i lavoratori svantaggiati in quanto per tali soggetti è prevista l’esenzione da ogni forma di contribuzione, ma potranno comunque accedere alle prestazioni del fondo residuale.

Tuttavia va ricordato che attualmente il fondo residuale non può erogare prestazioni perché non è stato costituito il comitato amministratore.

-->