Filtra per categoria

Bonus per assunzione donne dal 1 luglio 2015

L’Inps si tinge di rosa e guarda alle donne.
In arrivo un bonus per le donne di qualsiasi età che non hanno un regolare impiego da più di sei mesi. A comunicarlo è il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti. L’obiettivo del governo è quello di incoraggiare le aziende ad assumere il gentil sesso.

Il bonus era già stato varato nel 2014, ma entra in vigore dal primo luglio del 2015. Da quest’estate dunque sarà possibile richiedere l’incentivo all’Inps, l’ente diretto da Tito Boeri. L’unico requisito che l’Istituto di previdenza richiede è che la candidata sia residente in una della Regioni ammissibili ai fini del finanziamento che rientra nel progetto dei fondi strutturali europei.

Per il momento le Regioni in quali il bonus sarà operativo sono: Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata in tutta la superficie regionale, mentre per le regioni di Emilia Romagna, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Abruzzo, Molise, Lazio, Liguria, ed infine anche la Lombardia ma solo per alcune aree e comuni.

Il vantaggio – come spiega dettagliatamente il Decreto Ministeriale del 23/03/2008 – sarà per le aziende che decideranno di assumere donne disoccupate, che in tal caso avranno una riduzione del 50% dei contributi previdenziali a loro carico. Se verrà proposto alla candidata un contratto a tempo determinato la durata del bonus sarà di 12 mesi. Se, invece, verrà stipulato un contratto a tempo indeterminato – o se ne verrà convertito uno a tempo determinato – la durata sarà estesa a 18 mesi.

-->